5 rimedi contro la cellulite

603
Rimedi cellulite

La cellulite è da sempre l’acerrimo nemico delle donne. Ma di cosa si tratta realmente e quali sono le cause che la scatenano ed i rimedi contro la cellulite più efficaci?

Iniziamo col dire che la cellulite non è soltanto uno sgradevole inestetismo, ma è una vera e propria patologia del tessuto adiposo sottocutaneo.

Il termine medico che definisce questo inestetismo è pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica, ovvero un’alterazione edematosa delle cellule adipose che si trovano nello strato sottocutaneo.

Queste cellule, in pratica, a causa di un cattivo funzionamento del microcircolo venoso e linfatico, non ricevono il giusto apporto di ossigeno e nutrienti e non espellono in maniera corretta i liquidi.

Questo è il motivo per il quale la cellulite si manifesta con un rigonfiamento della parte colpita, quindi un edema, spesso accompagnato anche da dolore al tatto. In più, si ha l’antiestetico aspetto a “buccia d’arancia“, dovuto appunto al ristagno di liquidi tra le cellule.

Cause che determinano l’insorgenza della cellulite

Le cause che provocano la cellulite sono molteplici e di varia natura:

  • cause genetiche ed ormonali;
  • sedentarietà;
  • cattive abitudini alimentari;
  • fumo;
  • abuso di bevande alcoliche e gassate;
  • utilizzo di abiti troppo stretti;
  • variazioni altalenanti del peso corporeo.

Oltre alle cause genetiche, dunque, il principale fattore che determina la comparsa della cellulite è uno stile di vita scorretto. Proprio per questo motivo, è facilmente intuibile come un miglioramento o, addirittura, un totale cambiamento delle proprie abitudini di vita, possa prevenire o rallentare l’insorgenza di questa malattia.

5 rimedi efficaci per combattere la cellulite

1. Sana alimentazione. Le cattive abitudini alimentari, oltre a determinare diversi problemi per l’organismo, come obesità, rischio di malattie aterosclerotiche e malattie metaboliche, aumentano notevolmente anche il problema della cellulite. Per limitare questo danno è necessario:

  • seguire una corretta alimentazione, con cibi ricchi di acqua e fibre, che riducono la ritenzione idrica e facilitano l’espulsione di scorie e tossine dall’organismo;
  • evitare l’utilizzo eccessivo del sale, che allo stesso modo determina ristagno dei liquidi nei tessuti;
  • eliminare, o quantomeno ridurre drasticamente i cibi cosiddetti “spazzatura” dalla propria alimentazione, come dolci, cibi fritti e ricchi di grassi animali.

Quali sono invece i cibi da prediligere contro la cellulite?

I cibi da favorire a tavola sono:

  • Vegetali crudi (finocchi, lattuga, cetrioli, pomodori…);
  • frutta fresca di stagione;
  • cereali integrali (pasta e pane);
  • pesce azzurro;
  • legumi;
  • yogurt magro.

2. Bere molta acqua. La disidratazione è alla base della cellulite. Idratare bene l’organismo è un rimedio fondamentale per evitare l’accumulo dei liquidi tipico di questa alterazione tissutale. La giusta quantità di acqua da introdurre giornalmente è di circa 2 litri, anche se in realtà essa dipende soprattutto da due fattori:

  • La stagione in cui ci troviamo: in estate, infatti, perdiamo quantità di acqua notevoli a causa del sudore, per questo è importante integrare tutta l’acqua che perdiamo attraverso cibi idratanti, come frutta di stagione e verdure. In questa stagione è consigliato consumare circa 2 litri di acqua al giorno e, se si svolge attività fisica, anche 2,5-3 litri al giorno. In inverno, invece, la quantità di liquidi che perdiamo giornalmente è molto inferiore, per questo è sufficiente anche bere 1,5-2 litri di acqua al giorno, sempre da abbinare al consumo di vegetali e frutta.
  • L’attività fisica: quando svolgiamo attività fisica perdiamo grandi quantità di acqua che dobbiamo integrare assolutamente per mantenere il corretto bilancio idrico dell’organismo.

3. Fare attività fisica. Un altro nemico della nostra salute e, grande alleato della cellulite, è la sedentarietà. Una delle cause che determinano la pannicolopatia è, infatti, la cattiva circolazione a livello del tessuto adiposo.

In queste condizioni, le cellule adipose (adipociti) non ricevono più il giusto nutrimento proveniente dalla circolazione sanguigna ed inoltre non riescono più ad eliminare le scorie attraverso il sistema linfatico.

Questo determina una variazione morfologica delle cellule stesse ed un accumulo di sostanze di scarto che provocano uno stato infiammatorio costante a livello di questo tessuto.

L’attività fisica, dunque, è fondamentale per favorire la circolazione e ridurre lo stato infiammatorio degli adipociti. Il tipo di attività maggiormente consigliato in caso di cellulite è quella aerobica, come la camminata veloce ad esempio, mentre è sconsigliata l’attività anaerobica che determina un’elevata produzione di acido lattico, considerato in alcuni casi un fattore aggravante per la cellulite.

4. Utilizzare creme e fanghi anticellulite. Come già detto in precedenza, gli inestetismi della cellulite sono causati da un accumulo di liquidi e scorie nel tessuto adiposo sottocutaneo e da un malfunzionamento della microcircolazione e del sistema linfatico.

Per questo motivo, uno dei migliori rimedi contro la cellulite è quello di applicare dei fanghi o delle creme (qui la recensione di Cellinea, una delle creme naturali più efficaci) esercitando al contempo un massaggio linfodrenante.

Fanghi e creme anticellulite hanno ruoli differenti: i fanghi hanno il ruolo di riattivare il microcircolo grazie alla loro attività riscaldante. Essi, inoltre, essendo ricchi di sali minerali, alghe e microorganismi, favoriscono l’eliminazione di tossine e liquidi in eccesso (vedi anche “I benefici del mare per il corpo“).

I fanghi vanno applicati sulla pelle asciutta e pulita e vanno tenuti in posa per almeno 30 minuti. Per trarne i maggiori effetti benefici è opportuno avvolgere la zona trattata con della pellicola trasparente che mantiene il prodotto fresco e attivo per il tempo necessario.

Trascorso il tempo di posa si può risciacquare con acqua tiepida.

A questo punto entra in gioco la crema anticellulite che va applicata effettuando un lungo massaggio linfodrenante, ovvero facendo una leggera pressione sulla cute con movimenti circolari a partire dal basso verso l’altro.

Il massaggio stimolerà la circolazione linfatica, favorendo ulteriormente l’espulsione dei liquidi e delle tossine e la crema, ricca di principi attivi ad azione rassodante, di oli essenziali ad azione tonificante e di sostanze idratanti ed emollienti, contribuirà a rendere la pelle più soda, liscia e morbida.

5. Bere tisane drenanti. Abbiamo già visto l’importanza dell’idratazione come rimedio contro la cellulite. Un ulteriore aiuto per contrastare il ristagno dei liquidi è l’utilizzo di tisane a base di erbe ad azione drenante e sgonfiante. In erboristeria si trovano molti prodotti utili per combattere la ritenzione idrica. Eccone alcuni esempi:

  • te verde;
  • tarassaco;
  • finocchio;
  • centella asiatica;
  • betulla
  • vite rossa
  • carciofo;
  • rosmarino.

La cellulite, dunque, sicuramente non è facile da debellare completamente, ma si può fare molto per limitarne i danni e rallentarne l’avanzamento.

Conclusione

Abbiamo visto una serie di ottimi rimedi contro la cellulite. Infatti, un miglioramento dello stile di vita a 360 gradi, favorendo un’alimentazione corretta e prendendosi cura del proprio corpo, sia attraverso l’attività fisica che curandolo dall’esterno con massaggi, creme, fanghi e oli essenziali, e riduce drasticamente l’antiestetica buccia d’arancia, rende la pelle più tonica e compatta e migliora il microcircolo.