Proteggere la pelle dai danni del sole: qualche consiglio

210

Danni del sole per la pelle

Esporre la pelle al sole consente di ottenere una tintarella invidiabile. Il colore più trendy per la carnagione, in estate, è decisamente il miele tendente al caramello! Ma quanto può, questo “peccato di moda”, andare a infierire negativamente sulla salute e la qualità della pelle? Scopriamo insieme come abbronzarsi in maniera corretta per evitare i principali danni del sole.

La pelle e l’abbronzatura: il sole è un amico o un nemico?

L’Italia è un paese solare, in tutti i sensi. Dottori e scienziati, con l’arrivo dei primi caldi estivi, raccomandano di evitare un’esposizione diretta ai raggi solari. Occorre proteggersi, lo sappiamo tutti, ma in quanti lo fanno correttamente?

I Raggi UV del sole colpiscono direttamente le cellule responsabili della produzione di melanina. Con ciò, si rischia di procurare modificazioni non sempre riparabili dai meccanismi biomolecolari. Per dirla in parole povere, i melanociti, guardie del corpo adibite a proteggerci dalle radiazioni ultraviolette, non lavorano più come dovrebbero. Il sole è un amico, ma può trasformarsi in nemico se non si adottano le dovute precauzioni.

Abbronzatura perfetta: come proteggere la pelle dal sole?

È sufficiente armarsi di una crema solare potente per stare sicuri di non danneggiare la pelle esposta al sole? In realtà, per ridurre al minimo il rischio di danni, la preparazione deve iniziare prima delle vacanze al mare. Assumere degli integratori a base di betacarotene con regolarità favorisce la produzione di melanina e, di conseguenza, un’abbronzatura migliore e più sicura.

Durante i primi cinque giorni di esposizione al sole occorre proteggere la pelle con lozioni protettive dai 15 in su, povere di ossido di zinco e biossido di titanio: ciò consentirà alla pelle di difendersi dai raggi UV. Trascorso questo intervallo di tempo, si potrà iniziare a ridurre la protezione.

Sole e pelle: quattro consigli

1) Fare attenzione all’alimentazione. Ci sono alcuni cibi in grado di aiutare la pelle a ridurre i danni provocati dai raggi UV. Pesche, albicocche, cocomeri e fragole possono aiutare a favorire l’abbronzatura. Pomodori, carote e sedano, invece, sono ricchi di carotenoidi, vitamine C ed E essenziali per combattere i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento della pelle;

2) Idratare la pelle. Prima di partire per le proprie vacanze al mare, è consigliabile idratare correttamente la pelle. Un ottimo alleato, in tal senso, è Argan Secret: si tratta di un trattamento a base di Olio di Argan purissimo, ottimo per prevenire l’invecchiamento precoce della pelle e per proteggerla dai raggi del sole.

3) Attenzione al viso. Proteggere tutto il corpo è una pratica estremamente importante. Occorre, però, prestare attenzione anche al viso, proteggendolo in maniera adeguata. Per far sì che la pelle del viso si abbronzi in maniera omogenea, è indicato preparare una maschera con polpa di albicocca da tenere in posa una mezz’ora prima dell’esposizione al sole.

4) Attenzione ai riflessi. Fare un bel bagno e poi lasciare che il sole asciughi la pelle umida è una pratica molto comune. Purtroppo, però, è sbagliata! Lasciare che l’acqua salata evapori sulla pelle, fa sì che i microcristalli salini si accumulino, finendo per riflettere più intensamente i raggi UV. La scottatura sarebbe assicurata!

Conclusioni

Proteggere la pelle dal sole consente di godersi una bella tintarella omogenea e una pelle più giovane a lungo. Prima di partire per il mare, assumete integratori a base di betacarotene e preparate la pelle con prodotti di qualità come Argan Secret, ricordandovi la crema solare per ogni esposizione. Buona abbronzatura!